IoT: un settore dalle molteplici sfaccettature

26th June 2019
Posted By : Alex Lynn
IoT: un settore dalle molteplici sfaccettature

Il team di Mouser si è recentemente recato a Londra per partecipare a IoT Tech Expo 2019 con l'obiettivo di approfondire le proprie conoscenze circa le varie innovazioni tecnologiche in un settore dalle molteplici sfaccettature che devono essere ancora completamente esplorate.

Di Mark Patrick, Mouser Electronics

La tecnologia Internet of Thing (IoT) ha indubbiamente creato grandi aspettative che ovviamente devono essere soddisfatte. Dopo anni di promesse ambiziose, l'industria è chiamata a tradurle in realtà. Negli anni a venire l'incidenza della tecnologia IoT è destinata ad aumentare considerevolmente mentre nuove opportunità si profileranno all'orizzonte, anche se permangono numerosi problemi di una certa entità da affrontare a superare. 

Alla fine di Aprile Mouser ha partecipato a IoT Tech Expo che si è tenuto a Londra presso il centro congressi Olympia. All'evento, della durata di due giorni, ha partecipato un pubblico estremamente variegato. Presso lo stand allestito da Mouser, ad esempio, si sono affollati analisti di dati ed esperti in sicurezza informatica, progettisti e appassionati di criptovalute.

D'altra parte, anche le proposte delle altre società espositrici erano decisamente stimolanti e spaziavano dal Blockchain coffee (per tracciare il prodotto nell'intera catena di approvvigionamento) a un portafoglio hardware per custodire i fondi in Bitcoin.

Sebbene giornalmente ogni secondo viene acquisita/generata un'enorme quantità di dati, la maggior parte di questi è di tipo non strutturato (le ricerche condotte da IDC e Gartner evidenziano che circa l'80% di questi dati permane poi in tale forma). Ciò si traduce nel fatto che risultano difficilmente utilizzabili in pratica. Skim Technologies è una società che si è posta l'obiettivo di sfruttare le potenzialità finora inespresse offerte da questi dati.

Lo Skim Engine proposto dall'azienda consente l'estrazione di dati (provenienti da fonti Internet o da database aziendali) ma, a differenza dei normali Web scaper, ha nella capacità di adattamento la sua dote migliore. Ciò in pratica significa che è in grado di gestire cambiamenti di qualsiasi tipo (ad esempio quelli che riguardano la modalità con cui vengono realizzati i siti Web). Esso può estrarre i dati (da testi HTML, PDF e diversi altri tipi di file) e successivamente utilizzare l'intelligenza artificiale (AI) per coordinare le estrazioni.

Grazie a questo approccio, le informazioni relative a specifiche tematiche come ad esempio tendenze di mercato e aggiornamento dei prezzi possono essere compilate in modo molto più semplice. La comprensione del contesto del materiale disponibile permette l'estrazione dei soli dati rilevanti che soddisfano gli specifici criteri imposti dal cliente.

Proglove ha conseguito un lusinghiero successo nel settore della produzione e dell'assemblaggio di prodotti a elevato valore aggiunto, in particolar modo nel settore automobilistico, dove può vantare clienti del calibro di Volkswagen, BMW, Audi, SEAT e Skoda. Le unità per la scansione leggere e sottili prodotte dalla società si integrano direttamente nei guanti protettivi degli operatori della linea di produzione, evitando di perdere tempo nel recuperare e quindi riporre gli scanner portatili nel loro supporti (operazioni che richiedono in media 4 s per ogni scansione).

Nel corso di una settimana di turni ciò equivale a un risparmio di parecchie ore, che si traduce in un sensibile aumento della produttività. Caratterizzato da un raggio di scansione molto esteso (che può arrivare a 150 cm), lo scanner MARK 2 è in grado di gestire pezzi di dimensioni maggiori. L'individuazione dell'etichetta da sottoporre a scansione non rappresenta più un problema in quanto la scansione avviene nel momento stesso in cui un pezzo viene maneggiato dall'operatore.

Meccanismi di riscontro di tipo ottico e aptico notificano all'operatore il completamento della scansione. Grazie alla connessione in modalità BLE (Bluetooth Low Energy) queste unità di scansione possono interfacciarsi con tablet o dispositivi indossabili. Il periodo di tempo necessario per ammortizzare il costo di questi scanner dipende da parecchi fattori tra cui la natura del lavoro, il settore industriale e la regione geografica dove si svolge il lavoro (in quanto il salario orario è un parametro da prendere in considerazione).

In ogni caso, poichè la durata media di questi strumenti è di almeno tre anni, il punto di break-even (di pareggio) viene raggiunto dopo 4-5 mesi (o in alcuni casi in meno di due mesi).

A causa delle crescenti preoccupazioni per gli effetti dannosi prodotti dall'inquinamento sulla salute degli esseri umani, il monitoraggio della qualità dell'aria sarà senza dubbio una delle applicazioni più "gettonate" per la tecnologia IoT. Espressamente ideato per svolgere questo compito, B5W-LD0101 di Omron è un dispositivo caratterizzato da un'elevata sensibilità e particolarmente semplice da installare grazie alla sua compattezza dimensionale.

Sfruttando la tecnologia ottica, è in grado di rilevare particelle con diametro pari a solo 0,5μm. L'elemento riscaldante integrato attira le particelle e la dispersione della luce incidente provocata da queste particelle consente di determinare i livelli di concentrazione.

Figura 1 - Il dispositivo B5W-LD0101 di Omron.

I nuovi membri dell'ampia gamma di kit di visione embedded di Basler, basati sulle diffuse famiglie di processori i.MX8 di NXP e Snapdragon di Qualcomm erano esposti presso lo stand allestito dalla società. Questi prodotti dispongono di telecamere con risoluzione fino a 13 Mpixel e frame rate (numero di fotogrammi al secondo) pari a 30 fps, integrate su moduli COM (Computer on Module) SMX8 di congatec.

Controllo/monitoraggio del traffico, ispezioni in campo industriale, logistica, vendite al dettaglio (ad esempio automatizzazione dei punti vendita) e case "intelligenti" sono alcuni esempi di applicazioni tipiche per questi kit di visione.

Figura 2: Un esempio dei kit di visione embedded di Basler.

AVerMedia è una realtà specializzata nella realizzazione di sistemi hardware di acquisizione destinati a una pluralità di mercati che utilizzano la visione embedded. Grazie alla sua compattezza dimensionale, il modulo di acquisizione video CM313B in formato Mini-PCIe della società può essere integrato senza problemi in droni, robot o nodi IoT ubicati in postazioni remote (per espletare compito di sorveglianza o altre azioni di monitoraggio).

Il modulo prevede una singola interfaccia 3G-SDI in grado di garantire una velocità di trasferimento dati di 2,97 Gbit/s che consente l'acquisizione in tempo reale di filmati in alta definizione (HD). Esso può essere usato in abbinamento con le piattaforme di apprendimento automatico Jetson TK1 e TX1 di NVIDIA.

Ottenere dati di posizionamento accurati nel rispetto dei severi vincoli di consumi imposti dalle implementazioni basate su IoT è il problema che Kolmostar vuole risolvere con le proprie soluzioni GNSS (Global Navigation Satellite System) a bassissimo consumo.

Si tratta di moduli caratterizzati da fattori di forma compatti in grado di fornire un posizionamento preciso in tempi brevi (con un errore circolare probabile di 2 m e la prima correzione nel giro di 1 s) a fronte di assorbimenti di corrente minimi (10 mW è il valore tipico) e conseguente aumento della durata della batteria. Un GPS migliorato che utilizza la connettività LPWAN consente di ridurre ulteriormente i consumi.

L'obiettivo di Aitrack è invece quello di fornire alle aziende informazioni preziose relative all'efficacia dei loro materiali promozionali sfruttando le potenzialità dell'intelligenza artificiale. La società ha sviluppato un sofisticato algoritmo per il monitoraggio oculare (eye-tracking, ovvero l'analisi dei movimento dello sguardo e dei punti di fissazione) predittivo che permette di effettuare una valutazione dell'impatto dei diversi progetti pubblicitari (colori e font utilizzati, posizionamento di foto e testo e così via), posizionamento dei prodotti sugli scaffali dei punti vendita (in relazione ad altri prodotti) e altro ancora.

Da queste informazioni gli specialisti di marketing possono stabilire dove si sono posati gli occhi dei consumatori, sia all'interno dell'area commerciale (supermercato, centro commerciale, ecc.) sia nelle strade cittadine. In questo modo le aziende possono rendere consapevoli dei loro prodotti i potenziali acquirenti anche quando la loro attenzione è distolta da una pluralità di stimoli diversi.

Nonostante si sia trattato di un evento stimolante, con corridoi animati, che ha proposto tecnologie interessanti e permeato da un'atmosfera generalmente positiva, si poteva avvertire una certa carenza in termini di focalizzazione. Al pari dell'industria IoT, che è in fase di maturazione e alla ricerca di una propria identità, questa manifestazione era una sorta di "torre di Babele" che riuniva iniziative imprenditoriali, modelli commerciali e target di riferimento molto diversi tra di loro (alcuni dei quali veramente marginali rispetto al mondo IoT).

L'evoluzione del mercato dell'IoT comporterà la creazione di eventi specialistici focalizzati su aspetti specifici di un'area tematica indubbiamente vasta.


È necessario aver eseguito l’accesso per commentare

Lascia un commento

Nessun commento




Sign up to view our publications

Sign up

Sign up to view our downloads

Sign up

Vietnam International Defense & Security Exhibition 2020
4th March 2020
Vietnam National Convention Center, Hanoi